Teatro


Le parole possono cambiare il mondo dramma teatrale

  • Vai al video: YouTube

  • AUTORE: Marco Fortuna (tel.3275414197 – fortuna.marco@gmail.com)

  • TITOLO DEL DRAMMA: “Le parole possono cambiare il mondo” – atto unico

  • TRAMA: La libreria di un vecchio libraio si trasforma all’occorrenza in un ostello per viandanti in cerca di una sistemazione temporanea; gli ospiti, nella libreria, devono inevitabilmente confrontarsi con il pessimo carattere del vecchio e l’arrivo di un nuovo visitatore, a sorpresa, cambierà le sorti di uno di loro.

  • AMBIENTAZIONE: ci troviamo all’interno di una libreria, i personaggi (un vecchio libraio e i suoi 5 ospiti: 4 donne e un uomo) si presentano nella loro veste di tutti i giorni, affaccendati nei normali compiti e nella vita comune all’interno della libreria; sarà il vecchio libraio a curiosare nelle loro faccende e volta per volta li chiamerà a prender parte nella trama della storia.

  • CONTENUTI: lo scritto nasce con l’intento di sottolineare l’importanza delle parole, in contro tendenza se vogliamo, con la leggerezza con la quale (a volte) le stesse vengono usate nella società moderna. Nel contesto storico e culturale che stiamo vivendo, le parole possono avvicinare e allontanare le persone, più di quello che riusciamo a immaginare; in questo dramma le parole ci parlano fondamentalmente dell’uomo e delle sue passioni; il potere delle parole nella libreria (luogo del dramma) vengono come amplificate, racchiuse e liberate al tempo stesso. Un luogo magico circonda i personaggi che via via si presentano, e che sentono l’influsso e il divenire di azioni, che li vedono in parte protagonisti e in parte spettatori inermi di fronte al fato.
    Lo spettatore viene chiamato perciò a riflettere su quelle che sono le cose fondamentali per sentirsi in comunione con gli altri e prima ancora con se stessi; viene chiamato a riflettere sul significato delle parole che ci appartengono nella stessa misura in cui noi apparteniamo a loro.

Prima teatrale della compagnia LOCOS al Teatro Nuovo di Capodarco di Fermo


Poesia "Abbracciami" inserita nel musical "Cuori affamati" - progetto europeo Opera-Q.


Festival Macerata: Così vicino così lontano