I consigli di scrittura dei grandi poeti e scrittori del passato

Voglia di scrivere? Ecco i consigli di scrittura di poeti e scrittori che hanno reso grande la letteratura

Scrivere è una vera e propria arte, che richiede passione, dedizione e talento. Non è qualcosa che si può insegnare, ma piuttosto un istinto che arriva dalla pancia e dal cuore e che ci spinge a trasmettere ciò che abbiamo dentro, lasciando libero sfogo alla fantasia e ai sentimenti.

Nonostante ciò possiamo imparare molto dai poeti e dagli scrittori del passato che, prima di noi, hanno affrontato quel grande viaggio chiamato scrittura. Dal modo in cui approcciarsi al racconto alla regola migliore per costruire un verso: ecco i consigli dei grandi intellettuali del passato.

Partiamo da P.D. James, grande scrittrice britannica e membro della camera del Lord, autrice di “Copritele il volto”, che spinge a seguire il proprio istinto e l’inclinazione personale. “Scrivi quello che senti di dover scrivere – ha svelato più volte -, non quello che è popolare o che pensi possa vendere”

Secondo Stephen King, re del brivido, i dialoghi sono fondamentali. “Il dialogo è cruciale nel definire i personaggi – ha spiegato parlando di scrittura -, e dev’essere sempre reale e mai artificioso: scrivere bene i dialoghi è arte oltre che mestiere”.

Più asciutto e sintetico Ernest Hemingway che svela con il consueto acume e l’ironia: “Ricordati che la prosa è architettura, non decorazione di interni”. Per il grande Umberto Eco invece tutto sta nell’originalità di ciò che si crea: “Evita le frasi fatte – consiglia -: è minestra riscaldata”.

Edgar Allan Poe invece ci rivela l’importanza dell’atmosfera in un racconto. “Un racconto deve avere una sola atmosfera – ha raccontato – e ogni frase deve essere costruita tenendo conto di quest’atmosfera.

Mentre Roddy Doyle, autore irlandese del best seller “The Commitments”, ha svelato: “Cambia idea. Le idee buone spesso vengono uccise da altre ancora migliori. Stavo lavorando a un romanzo su una band che si chiama the Partitions. Poi ho deciso di chiamarli The Commitments”.

Infine non possiamo non citare il consiglio di George Orwell, il celebre saggista britannico autore di capolavori come “1984” e “La fattoria degli animali”. “Violate ognuna di queste regole – ha spiegato lo scrittore – piuttosto che scrivere qualcosa di barbaro”.

Cerca

Chi sono

Sono nato e vivo nelle Marche, una regione dove le montagne, le colline e il mare cullano i mieii sogni, parlano al mio animo e ritornano con accenni e ricordi nei miei scritti. Il mio amore per la poesia è iniziato tra i banchi di scuola e si è rinnovato sempre con intensità. Ho iniziato a scrivere poesie nel 2000 ed ancora oggi coltivo questa passione. Una ricerca costante, un viaggio nel cuore dell’uomo.

Questo sito utilizza Cookie tecnici per la corretta visualizzazione e funzionamento del sito e per migliorare l'esperienza di navigazione; utilizza cookies di terze parti solo per analisi statistica anonima di navigazione. Questo sito non raccoglie dati personali o dati anagrafici in nessuna sua pagina. accenttando di proseguire accetti anche l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più e per prendere visione dell’informativa dettagliata, l’Utente può consultare la nostra cookie policy