La poesia come cura del dolore.

Pochi lo sanno, ma la poesia può diventare un ottimo strumento per curare il dolore e curare la nostra anima

 

La poesia può aiutarci a curare il dolore? La risposta è sì. Lo dimostrano numerose ricerche secondo cui le poesie avrebbero un potere terapeutico. Da secoli la scrittura è stata utilizzata dall’uomo come un mezzo per esprimere le proprie emozioni, soprattutto quelle negative, come frustrazione, rabbia oppure dolore. Lo dimostra il lavoro, giunto sino a noi, di Kafka, Petrarca o Pascoli, che sono partiti proprio dal dolore e dalla sua elaborazione per realizzare qualcosa di unico.

 

Ancora oggi sono tante le terapie psicologiche e non in cui la scrittura viene utilizzata come utile strumento per “tirare fuori” dal paziente le emozioni che non vengono esternate e che rischiano di creare un cortocircuito nella mente e nel corpo. Da questo punto di vista la scrittura si trasforma in un mezzo per instaurare – come facevano i poeti del passato – un dialogo interno e rielaborare i pensieri sparsi nella mente. Riportare sul foglio ciò che si prova, trasformare il dolore in arte, è un modo per mettere ordine alle idee che spesso sono confuse e indistinte, con un effetto che risulta, il più delle volte, liberatorio.

 

Qual è il potere della poesia? Come ci hanno insegnato i grandi poeti del passato, la scrittura ci consente di esternare il dolore che proviamo, di metterlo di fronte a noi, consentendoci di “attraversarlo”. Un lutto, una separazione, una perdita importante o una sconfitta: si tratta di eventi che generano rabbia e dolore. Emozioni negative che con il tempo, se non vengono affrontate nel modo giusto, rischiano di provocare problemi al livello fisico e mentale.

 

La poesia svolge in questo caso una doppia funzione: da una parte rappresenta un rifugio, un luogo in cui ci sentiamo al sicuro, prendendo tempo per noi stessi e per il nostro benessere, dall’altra è un’arma che utilizziamo per fare i conti con quello che ci fa soffrire e che ci provoca un turbamento. Facendo scorrere la penna sul foglio, scrivendo ciò che abbiamo dentro sotto forma di poesia, riusciamo quindi ad esplorare, senza accorgercene, l’universo che è nascosto dentro di noi, curando e accarezzando la nostra anima come non avevamo mai fatto prima.

Cerca

Chi sono

Sono nato e vivo nelle Marche, una regione dove le montagne, le colline e il mare cullano i mieii sogni, parlano al mio animo e ritornano con accenni e ricordi nei miei scritti. Il mio amore per la poesia è iniziato tra i banchi di scuola e si è rinnovato sempre con intensità. Ho iniziato a scrivere poesie nel 2000 ed ancora oggi coltivo questa passione. Una ricerca costante, un viaggio nel cuore dell’uomo.

Questo sito utilizza Cookie tecnici per la corretta visualizzazione e funzionamento del sito e per migliorare l'esperienza di navigazione; utilizza cookies di terze parti solo per analisi statistica anonima di navigazione. Questo sito non raccoglie dati personali o dati anagrafici in nessuna sua pagina. accenttando di proseguire accetti anche l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più e per prendere visione dell’informativa dettagliata, l’Utente può consultare la nostra cookie policy